Alienation is not my final destination

A parlare di metropoli, anche l’Organizzazione Mondiale per la Sanità sceglie come orizzonte il 2030. Nella corsa inarrestabile all’urbanizzazione, secondo le previsioni sarà  infatti l’anno in cui si raggiungerà il 60% di popolazione insediata nelle città

Se la domanda sorge spontanea (come potranno le metropoli accogliere questi enormi flussi in entrata garantendo buone condizioni di vivibilità?) già nel 1986 l’OMS aveva pronta la risposta, con il programma internazionale Healthy Cities che oggi conta, solo in Europa, 1.300 città aderenti -Milano compresa- a confronto sulle politiche di pianificazione urbana più favorevoli per la buona salute di chi in queste città ci vive (dalle case passive di Friburgo ai tram di Lisbona).

Ma la nostra città su cosa può puntare?

Uno dei capisaldi della strategia per città più vivibili è lo spazio a misura d’uomo. Una recente ricerca dell’università del New Hampshire ha dimostrato che, a creare connessioni tra gli spazi urbani, i cittadini ne guadagnano in salute fisica e mentale. Così avviene, ad esempio, quando si hanno a “portata di piedi” spazi verdi di quartiere, negozi, uffici, bar e ristoranti, musei e biblioteche: si vive meglio, si partecipa di più, si entra in contatto con gli altri e si è più disposti a fidarsi. Ecco perchè la soluzione potrebbe passare dal creare microcittà nel più ampio contesto metropolitano: come sostiene il presidente dell’Associazione Rete Città Sane-OMS per l’Italia, Simona Arletti, una dimensione da 200-300 mila abitanti può garantire istruzione, lavoro, servizi pubblici e opportunità culturali (che sono, poi, i benefici del vivere in un ambiente urbano) scongiurando la sindrome da alienazione urbana. Lo confermano gli attuali orientamenti degli urbanisti, che suggeriscono di fissare limiti fisici alle città, magari attraverso cinture verdi, piuttosto che favorire un’espansione a macchia d’olio che finisce per segregare la periferia a città satellite del centro.  Una sfida che Milano, per natura “città di città”, potrebbe facilmente cogliere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: