Fuori e dentro Salone, sempre per non andare fuori di melone

Sabato 21. Secondo giorno del nostro itinerario ideale.

Per affrontare in “bellezza” le festa del design, che per antonomasia coniuga senso estetico e funzionalità, vale la pena di approfittare di un’aggiustata al trucco e al parrucco. Sabato 21 all’interno di Excelsior il mega store del lusso a due passi da Duomo c’è l’evento Meet the Expert, con consulenze personalizzate dell’hairstylist e del make-up artist di Aveda, che creeranno acconciature speciali e trucco su misura seguendo le tendenze primavera estate 2012. Chi ha un cuore solidale può approfittare di questa occasione comprando la candela Light the way in edizione limitata, il 100% ricavato verrà devoluto al Global Greengrants Found per finanziare i progetti che garantiscono l’accesso all’acqua potabile nel terzo mondo.

Da lì in metro rossa direzione Rho Pero (attenzione al biglietto che per una fermata non è più urbano, questa settimana sono fioccate le multe) per vedere le ultime tendenze in fatto di mobili, cucine e arredo bagno, perché il “vero design non è solo lampade e cadreghe”, a detta dell’esperto. Ebbene qui consultare il sito ufficiale del Cosmit per scaricare la pianta degli espositori oppure l’app “I Saloni 2012” o l’app “AT casa” della RCSMerita una visita il Salone Satellite dedicato ai talenti under 35 che saranno 750 da tutto il mondo.  Se avete un Iphone vi può aiutare l’app SaloneSatellite2012 “Design Tecnology” che contiene un catalogo ricco di progetti, foto, storia e informazioni con itinerari consigliati. Al Salone Satellite entrate gratuitamente tutti giorni anche con bambini.

Se non siete stanchi dirigetevi in centro fermata Duomo per visitare il distretto di Brera che propone un ricco circuito di showroom aperti al pubblico. Da segnalare il Brera outdoor Village a Palazzo Cusani dove si tiene la notte bianca con eventi speciali. Nella suggestiva cornice dell’Orto Botanico di Brera potrete sorseggiare un aperitivo e ammirare i lampadari in vetro soffiato Barovier & Toso, i marmi intarsiati di Citco dalla raffinatissima lavorazione, gli allestimenti sensoriali di Zaha Hadid e Paola Navone. In Via Pontaccio 8/10 l’installazione “La via del drago d’acqua” dell’architetto cinese Zhang Ke che si ispira al segno del dragone, animale che nella tradizione orientale simboleggia il cambiamento. Per districarsi in questo ginepraio vi consigliamo l’app dedicataBrera Design district” che contiene una  mappa, una lista di showroom, dà la possibilità di scaricare ebook con le informazioni sui luoghi da visitare  e ti geolocalizza in modo da segnalarti i luoghi meritevoli più vicini.

Se non siete tanto stanchi si riprende domani. Comunque, senza consumarvi i piedi,  tutto questo si può fare anche in bici grazie a bikedistrict.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: